buzzoole code
Evoluzione del web

Come l’Oscar a Di Caprio uccise il traffico organico su Facebook

Il titolo di questo articolo è volutamente provocatorio ed esagerato. L’attore italo-americano non è ovviamente colpevole di nulla ma volevo utilizzare questo evento come pretesto per parlare del crollo di visualizzazioni che la fine di un fenomeno virale può portare su una fanpage.

Lo scorso 28 Febbraio, finalmente e dopo una lunghissima attesa, la star di Hollywood Leonardo Di Caprio è stato premiato con l’Oscar come miglior attore protagonista per il film Revenant.
Dopo cinque nomination finalmente ci è riuscito (a mio avviso non per la sua migliore interpretazione, ma tantè). Ma che cosa ha significato questo per il web?

Il web è un mondo in cui anche la più piccola sciocchezza può essere fonte inesauribile di condivisioni, basta che questa sia diventata “virale” e globalmente riconosciuta.

La continua ricerca della vittoria e le conseguenti delusioni derivate dall’arrivare sempre ad un passo del traguardo, avevano posto il buon Leo all’interno di un vortice di sfottò che per diversi anni ha generato un quantitativo di contenuti sul web davvero notevole.

Leo Di Caprio e l'Oscar
Una delle mie preferite

In particolare le gif animate sul tema si sprecano (provate a cerca qui http://giphy.com/search/leonardo-dicaprio/3 e ne troverete più di 4000)  ed esistono pagine Facebook, diventate recentemente il vero ricettacolo di questo formato di immagini,  che hanno impostato la propria sopravvivenza sulla loro condivisione.

Una gif ben fatta può infatti generare un numero di visualizzazioni e di interazioni di molto superiore a qualsiasi post e quelle riferite a tormentoni, siano essi momentanei o prolungati nel tempo, funzionano ancora meglio.

Per esempio la pagina Facebook di Marketizzando.it, creata una settimana fa, conta nel momento della scrittura di questo post circa 100 like; ho condiviso una gif è ho ottenuto circa 6500 visualizzazioni di traffico organico (vedi immagine sotto). Risultato quasi impossibile, visto il nuemero di fan, per un normale post senza utilizzare una sponsorizzazione mediante adv.

Successo organico di visualizzazioni per una gif

Ma cosa succede una volta che la notizia non è più di moda?

Avevo seguito un caso analogo un paio di anni fa in cui, sul territorio americano, si prendeva in giro una famosa squadra di baseball in quanto non vinceva un campionato da anni. I post a riguardo ottenevano migliaia di like e condivisioni semplicemente perchè erano “trend”.
Quando finalmente arrivò la vittoria improvvisamente monitorai un crollo di interesse mostruoso sull’argomento e di conseguenza le interazioni quasi cessarono (escluso forse il post celebrativo per l’alzata di coppa).

Attualmente si sta registrando la stessa cosa sulle gif dedicate all’inseguimento dell’Oscar da parte di Leo (che tra l’altro stanno sparendo anche dal famoso portale 9gag.com).

Per fortuna le mode si rinnovano di continuo e per una che muore 100 ne nascono ( a parte quella dei gattini sornioni che pare non finire mai).

 

Tags

About the author

admin

Ciao Sono Davide Ambu, web designer e consulente di web marketing freelance. Parlo solo di marketing che non interessa a nessuno

Add Comment

Click here to post a comment

Su di me

admin

Ciao Sono Davide Ambu, web designer e consulente di web marketing freelance. Parlo solo di marketing che non interessa a nessuno

Ci rivediamo su Facebook!