buzzoole code
Web Marketing

Come creare una campagna di affiliate marketing con una pagina Facebook

affiliate-maerketing-pagina-facebook

Per lanciare la tua prima campagna di affiliate marketing hai davvero bisogno di uno spazio web tuo?

Ovviamente la risposta alla domanda precedente è no ( anche perchè altrimenti che lo scrivo a fare questo articolo?).

L’affiliate marketing, nel caso qualcuno non lo sapesse, è quel ramo del web marketing che permette di guadagnare sponsorizzando prodotti e ricevendo in cambio delle commissioni.

Quasi sempre per ottenere dei buoni risultati è necessario un sito, in cui inserire un banner o un link tracciato, tramite il quale il merchant, che si sta sponsorizzando, è in grado di riconoscere e quantificare i risultati ottenuti grazie a noi.

Generalmente il guadagno è in percentuale al prezzo di vendita del singolo prodotto.

Come descritto in quest’altro mio articolo “Chi ci guadagna davvero nell’affiliate marketing” questa strada è percorribile solamente avendo un numero di visitatori sul proprio sito non proprio bassissimo (anzi), in quanto il CTR è spesso molto basso.

C’è però un’altra strada percorribile e che personalmente io utilizzo molto.

Come prima cosa bisogna scegliere la piattaforma da cui prelevare i link da sponsorizzare e la tipologia di campagna da utilizzare: io vi consiglio di puntare sulla sponsorizzazione di prodotti prelevati da Amazon.
Commissioni alte e vastissima scelta di prodotti dovrebbero convincerti che questa è la scelta giusta; se non basta considera anche che Amazon permette in modo nativo di condividere i propri link sui social.

Non è infatti così scontato che tutti i merchant accettino traffico generato da Facebook o simili ( cosa che a mio avviso sta penalizzando più loro che noi, visti anche i dati diffusi sull’advertising da Comscore.com).

Programma affiliazione amazon
Videata del riassunto con le commissioni di Amazon

Come seconda cosa dovete utilizzare ( o creare) una pagina Facebook da cui far partire i vostri link. Sottolineo “Pagina Facebook” e non profilo fake o roba simile.  Questo perchè avrete bisogno di alcune funzionalità che ai profili non sono permesse.

Ovviamente più fan ha la pagina è migliori potrebbero essere i risultati ma in realtà questo può diventare un fattore secondario rispetto ad una corretta targetizzazione.

Arrivati a questo punto è necessario analizzare i due scenari possibili: creazione di una pagina ad hoc o sfruttamento di una pagina già esistente.

Creazione di una nuova pagina per campagne di affiliate marketing 
Non voglio dilungarmi nella scelta di tipologia di pagina che Facebook permette di creare o sulle differenze tra un tipologia e l’altra, ma la miglior scelta in questo caso è puntare sempre su “community”.
Inserite il vostro logo, inserite l’immagine di copertina e tutti i dati che vi interessa mostrare ed è ora di iniziare a raccogliere fan.

La scelta fondamentale in questo momento è quello di identificare un target ben specifico , sia esso scelto per geolocalizzazione o per tipologia di interesse.
I prodotti che andrete a pubblicizzare dovranno essere, se volete massimizzare il ROI,  idonei alla scelta del pubblico della vostra fanpage.

Facciamo un esempio: volete sponsorizzare prodotti per il giardinaggio? Aprite una community che tratta argomenti quali pollice verde, giardini, trattamento piante ecc e iniziate a raccogliere like creando contenuti adatti ( se non sapete come aumentare i fan di una pagina facebook potete facilmente reperire sul web decine di strategie diverse).

Il mio consiglio è il seguente: andate su Amazon, scegliete un prodotto particolarmente accattivante, ottenete il link di affiliazione e create un post sulla vostra pagina che lo contenga. Scrivete una breve introduzione ( o fatevi aiutare) e pubblicatelo.

A questo punto entrano in gioco i numeri tanto cari a chi si occupa di web marketing: chi vedrà il vostro post? La risposta corretta sarebbe ” Solo Zuckenberg lo sa” in quanto i meccanismi di visualizzazione su Facebook cambiano in continuazione con l’unica costante di abbassare sempre le visualizzazioni organiche ( quelle non a pagamento per capirci).

Se la vostra pagina è nuova e non avete modo di ottenere like da parte di altre fanpage (con dirottamento di traffico), probabilmente i vostri post avranno pochissimi reach; per questo dovrete necessariamente investire un pò di euro nella loro promozione ( questo è il motivo per cui un profilo non è ideale, in quanto attualmente non potrebbe sponsorizzare i propri post).
Questo vi permetterà di raggiungere un numero molto elevato di persone rispetto al normale e se il pubblico selezionato nell’inserzione è sufficientemente affine al prodotto sponsorizzato otterrete dei risultati molto buoni.

Ovviamente il reach dipende bene o male da quanto volete investire: il mio consiglio è quello di fare diverse prove e andare a modificare di volta in volta il pubblico, tarandolo in base ai risultati che ottenete. Se per esempio i prodotti che sponsorizzate hanno molta presa sul genere femminile, tanto vale escludere gli uomini dal pubblico dell’inserzione.

Non c’è una regola perfetta per scegliere quanto investire nella pubblicizzazione del post contenente il link, ma dalla mia esperienza un buon risultato si può ottenere seguendo questo semplice schema ( valido per pagine con un numero medio/basso di likes):

  • Numero fan <1000  -> Costo minimo imposto da facebook * 5
  • Numero fan >1000 e < di 20.000  -> Costo minimo imposto da facebook * 3
  • Numero fan >20.000  -> Costo minimo imposto da facebook * 2

Più persone vedono il post, più è facile che clicchino sul link e, se avete scelto bene, che comprino il prodotto, generando per voi un ritorno economico.

Anche il calcolo del ROI per questo tipo di attività è molto semplice:

ROI = (ammontare delle provvigioni sulle vendite – costo di pubblicizzazione del post)/ costo di pubblicizzazione del post * 100

Sempre fornendo esempi pratici : se spendete 13 euro per sponsorizzare un post e ne incassate 20, il vostro ROI è del 53%. Il vostro guadagno netto sarebbe di 7 euro.

Questi sono valori facilmente raggiungibili con l’affiliate marketing utilizzando pagine facebook e aumentando l’investimento si ottengono risultati anche migliori.

Un secondo effetto, che qualcuno chiama “roi fantasma”, è che i post sponsorizzati in questo modo ottengono sicuramente dei like e questo vi permette di invitare le persone che mettono mi piace al post, a seguire la vostra pagina. Con il tempo questo fenomeno ti permette di aumentare il traffico organico e diminuire quindi i costi di sponsorizzazione.

Utilizzo di una fanpage già esistente 
Usare una pagina già avviata e con molti like è ovviamente più semplice, in quanto potete sfruttare anche il traffico organico e non solo quello a pagamento.

Come secondo vantaggio avrete il fatto che i vostri fan già vi conoscono e probabilmente vi apprezzano, quindi anche l’intrusione di un post a “scopo di lucro” non dovrebbe turbarli più di tanto.

In questo caso per massimizzare i risultati dovete assolutamente passare un pò di tempo nella sezione insights della vostra pagina.

Esaminate in particolare la suddivisione di sesso dei vostri fans e l’età, in quanto sono i due fattori principali da considerare nella scelta dei prodotti da linkare.

Per il resto tutte le considerazioni fatte precedentemente rimangono valide. Come unica differenza, quando impostate il pubblico della vostra campagna adv, alternate la scelta tra persone a cui piace la vostra pagina e persone che ancora non hanno messo mi piace. Questo vi porterà sia nuovo traffico sulla fanpage che migliori risultati in termine di conversioni.

Se avete dubbi o domande lasciateli in un commento!

Facebook Comments

About the author

admin

Ciao Sono Davide Ambu, web designer e consulente di web marketing freelance. Parlo solo di marketing che non interessa a nessuno

Add Comment

Click here to post a comment

Su di me

admin

Ciao Sono Davide Ambu, web designer e consulente di web marketing freelance. Parlo solo di marketing che non interessa a nessuno

Ci rivediamo su Facebook!